Questo sito utilizza cookie tecnici di terze parti per le sue funzionalità. Se vuoi saperne di più clicca su Privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

2018PortofinosWeek

NUOVO TEAM AGONISTICO CLASSE J70 PER IL CIRCOLO NAUTICO RAPALLO

 

Da una idea e regia operativa del socio Danilo Chiaruttini, la stagione agonistica 2018 del Circolo Nautico Rapallo si é arricchita dalla presenza su di un nuovo team della classe J70, composto quasi completamente da nostri soci: Paolo Brignolo Gorla, Danilo Chiaruttini e Mario Rabbò, unico “straniero” Fabrizio Bavestrello comunque personaggio conosciuto e molto legato al nostro circolo per diversi motivi.

La voglia di divertirsi e provare a competere in un circuito di tutto rispetto ha fatto sì che si creasse questo team inedito di amici non più giovanissimi… Presa la barca a noleggio per tutta la stagione, i nostri dopo essersi cimentati come allenamento in qualche prova dell’invernale di Varazze, lo scorso week end hanno partecipato al campionato invernale nel Principato di Monaco con ben 34 barche sulla linea di partenza.  Una flotta compatta e capace, in prevalenza formata da equipaggi stranieri con diversi professionisti a bordo, non ha spaventato i nostri esordienti che sono ritornati a casa molto soddisfatti del  buon risultato, con un’accresciuta esperienza e con la consapevolezza di reali margini di miglioramento.

Un venerdì storico con condizioni tipiche da Tigullio 6/8 nodi, sole, dopo un 13 nella prima prova si riparte per la seconda prova, dove un primo posto spiazza tutti e fa sperare.   Per le giornate di sabato e domenica le condizioni sono state più impegnative e a parte qualche spunto la metà classifica sembra la posizione correttamente meritata.  Dopo cinque prove corse in condizioni diverse con parziali di 13-1-14-18-10, la classifica generale li vede in decima posizione, ma ottimamente terzi nella speciale classifica degli equipaggi esordienti.

I programmi futuri vedranno il nostro equipaggio, dopo qualche uscita di allenamento, impegnato in appuntamenti importanti con la prima tappa del circuito italiano open Alcatel Cup il 05-08 aprile a Sanremo, ed a seguire Porto Ercole, Riva del Garda, Trieste, fino al Campionato italiano di Malcesine.

lequipaggio al completo

Buon vento !!! 

 

FRANCA MANZOLI CI HA LASCIATI

Ricordo quando eravamo ai primi passi della nostra attività velica; ricordo le estenuanti bonacce del Golfo del Tigullio.  Tante regate e poche boe, Giovanni Giuffra che dava partenze e prendeva arrivi dalla terrazza dello Yacht Club Tigullio. Assieme a lui, a battere i tempi, papà Meriggi e papà Cimarosti, mentre papà Manzoli, ci seguiva in mare sul suo Dory 13, offrendoci vino bianco fresco. franca sul lonaL’Ezio, che avendo negato il francamotorino al più grande dei due fratelli, Franco e Maurizio, con il dono di un Dinghy 12’ ai figli aveva inconsapevolmente fatto nascere una coppia di velisti veri: Attenti a quei Due!.  Poi c’era lei, che a terra teneva le file di tutto, mamma Manzoli, la Franca, che ci preparava le sue prelibate crostate, che ci piacevano, ma soprattutto ci portavano bene, perché se non c’era a bordo la crostata di Mamma Manzoli non si poteva vincere la regata ... bella scusa!  Quando poi i nostri programmi velici ci hanno portato a impegni più sofisticati, anche campionati del mondo in paesi lontani dove non potevamo avere a bordo la crostata di Mamma Manzoli, Lei ci aspettava in banchina al nostro ritorno con il fagotto della crostata in mano.  Il tempo passava .. spariti Giovanni Giuffra, i papà Cimarosti, Meriggi e Manzoli, spariti anche lo Yacht Club Tigullio e le bonacce estenuanti del Golfo, ma Lei c’era sempre; anche quando le nostre carriere veliche si sono trasformate in incarichi più o meno importanti a terra, Lei era sempre presente, anche ad ogni evento al nostro Circolo. Come quando ancora poco tempo fa é arrivata al Circolo sul sellino posteriore della moto di Maurizio, a testimoniare una vita invincibile ed inarrestabile ....   Franca ci ha lasciati serenamente questa mattina, in silenzio quasi per non farsi accorgere che andava via, lasciandoci, lo sappiamo già, un incolmabile vuoto ....  increduli ci stringiamo affettuosamente a Maurizio e Franco.   Grazie Franca, grazie per le Tue crostate, la Tua amicizia e la Tua voglia di vivere. Con Te sparisce una parte di noi.

 

L'ATTIVITA' DEL CIRCOLO NAUTICO RAPALLO SEGUIRA' IL CODICE ETICO DELLA "CHARTA SMERALDA"

 

Un’altra data importante per il Circolo Nautico Rapallo. Il primo marzo scorso, al teatro Parenti di Milano é stata presentata e sottoscritta la “CHARTA SMERALDA”, emessa dalla Fondazione One Ocean su idea dello Yacht Club Costa Smeralda. Oltre al club fondatore sono stati altri 50 Club italiani e associazioni di classi veliche che hanno sottoscritto detto documento, tra cui il Circolo Nautico Rapallo presente con il suo Presidente dott. Manlio Meriggi che ha firmato a nome di tutti i soci, impegnandosi al rispetto e alla promozione del codice etico sottoscritto.

Particolarmente significative sono state le firme da parte di Max Sirena, skipper di Luna Rossa Challenge e di Laurent Esquier, CEO della società Challenger of Record 36, organizzatrice delle regate di selezione della prossima America's Cup.

La fondazione ha il valido obiettivo della salvaguardia degli oceani dall’inquinamento ed in particolare modo dalle plastiche. Chi dei presenti ha navigato negli oceani ha raccontato di intere isole di plastiche alla deriva..

“Come Circolo Nautico Rapallo abbiamo sottoscritto la Charta Smeralda” dichiara il Presidente dott. Manlio Meriggi “che è una sorta di dichiarazione di intenti che dovremo rispettare e fare rispettare ai nostri soci. Ho consegnato il nostro guidone che verrà esposto insieme a quelli agli altri 50 Circoli e Yacht Club sottoscrittori. Lo Yacht Club Costa Smeralda sta predisponendo insieme alla Università Bocconi un documento che sarà un utile “manuale” per tutti noi”.

Erano presenti quali organizzatori dell’evento la Principessa Zahra Aga Khan, il commodoro dello YCCS Riccardo Bonadeo; hanno fatto interventi Mauro Pelaschier, Paul Cayard, Luca Bassani, Francesca Santoro (Unesco e comitato scientifico One Ocean Foundation).

i presidentiPaul e Mauro

Nelle foto un insieme dei presidenti presenti e un momento dell’intervento di Paul Cayard e Mauro Pelaschier.